Vaso di bronzo portato alla luce in Cina contiene “l’Elisir di lunga vita”

ZHENGZHOU, CINA – I ricercatori in Cina hanno identificato un misterioso liquido contenuto in un antico vaso di bronzo risalente a migliaia di anni fa, e si rivela essere la favolosa pozione delle leggende alchemiche cinesi.

L’archeologo Pan Fusheng ha annunciato che il liquido è stato scoperto in un vaso di bronzo di 2000 anni in una tomba nella Cina centrale.

Secondo gli archeologi, lo strano liquido giallognolo scoperto durante gli scavi nella provincia centrale di Henan, in Cina, alla fine dell’anno scorso, è un antico “elisir di immortalità”, che nei secoli passati veniva usato per conferire vita immortale a coloro che lo bevevano.

elisir3

“È la prima volta che le mitiche medicine per l’immortalità sono state ritrovate in Cina”, ha detto a Xinhua questa settimana Shi Jiazhen, capo dell’Istituto di reliquie e archeologia culturale. “Il liquido ha un valore significativo per lo studio della filosofia taoista cinese sul raggiungimento dell’immortalità, e in generale per l’evoluzione della civiltà cinese”.

La tomba, che risale alla dinastia Han occidentale (202 a.C. – 8 d.C.), copriva un’estensione sotterranea di più di 2.200 metri quadrati, e conteneva anche ceramiche dipinte, oggetti di giada e altri manufatti in bronzo, oltre ai resti di una mummia di stirpe nobile. Gli archeologi hanno notato subito che circa 3,5 litri di liquido nel vaso di bronzo odoravano di alcol. L’analisi chimica successiva ha dimostrato che la sostanza contiene nitrato di potassio e allumina, gli ingredienti principali di una medicina per l’immortalità menzionata nei testi taoisti.

“Ci sono 3,5 litri di liquido dal colore del giallo trasparente”, aveva dichiarato Shi a novembre dell’anno scorso. “Odora di vino.” Gli archeologi avevano versato allora il liquido fuori dalla pentola di bronzo in un misurino notando che era necessaria un’ulteriore analisi in laboratorio per identificare il tipo di alcol. Si pensava essere un liquore preparato con riso e grani di sorgo, come erano stati precedentemente scoperto in reperti simili. Ma non era vino di riso, bensì il favoleggiato elisir di lunga vita.

Gli archeologi hanno riferito che il misterioso liquido è una miscela di nitrato di potassio e alunite. In tempi recenti, il nitrato di potassio viene impiegato un po’ per tutto, dai fuochi artificiali al fertilizzante, fino a fungere da addensante alimentare, ma la sua combinazione con l’alunite scatena una reazione chimica che produce l’elisir di lunga vita, dicono i ricercatori, come riferiscono gli antichi testi taoisti.

L’elisir è ancora in fase di studio. Appena ci saranno ulteriori sviluppi sulla vicenda il governo cinese promulgherà più informazioni.

Non è la prima volta che l’archeologia porta alla luce scoperte sensazionali, è accaduto di recente con la mummia Otzi e quella del faraone egiziano più famoso della storia, Tatankhamen. In entrambi i casi le scoperte hanno rilevato particolari a dir poco intriganti sulla storia dei nostri antenati

fonte: sciencealert

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...